Nonostante la pedagogia e i metodi educativi di Maria Montessori abbiano dimostrato la loro validità e il loro valore, essi non hanno ricevuto il giusto riconoscimento. 

Tutt’altro.

Anche se è oggi sia più ampiamente supportata rispetto alla sua nascita, esistono ancora critiche e i suoi detrattori.

1Molti professionisti educativi “convertiti” stanno cercando di ampliare la conoscenza e l’ uso del “Metodo Montessori” nella sfera familiare e nella scuola pubblica.

I principi educativi di Maria Montessori sono semplici. Essi mettono al primo posto le abilità del bambino.

L’educazione oggi continua a non dare il posto che merita alla metodologia didattica sviluppata dalla famosa educatrice italiana che ha operato tra la fine del XIX e XX secolo.

La Montessori sentiva che la scuola non è solo uno spazio per la trasmissione della conoscenza da insegnante a studente. La sua visione di istruzione era più ampia.

Sosteneva che il bambino dovesse sviluppare le sue capacità attraverso se stesso, con più libertà.

In un’ aula Montessori, gli studenti di tutte le età sono liberi di scegliere il tema su cui vogliono lavorare, per migliorare le loro competenze in modo più indipendente.

In realtà, questi studenti definiscono e stabiliscono da soli la loro velocità di apprendimento secondo i propri ritmi e le proprie peculiarità. L’ambiente è meno rigido, la lavagna meno importante, e tutti sono liberi nei loro spostamenti e movimenti all’interno della classe.

Il ruolo primario dell’educazione è quello di scuotere la vita, lasciando la libertà indispensabile per il suo sviluppo.” – MARIA MONTESSORI –

 1

Maria Montessori: una visione d’avanguardia

Questa prospettiva pedagogica di Maria Montessori ha avuto un impatto globale. Ha cambiato le pratiche didattiche, solo in misura limitata.
La Montessori si scontrò con le menti conservatrici, che purtroppo sono molte nei livelli decisionali più alti.
E’ chiaro quindi che il suo metodo, sostenendo la libertà di apprendimento e la responsabilità personale dello studente nel processo di apprendimento, era ed è assente dalla maggior parte delle istituzioni educative. Per mia conoscenza e per quanto ne so, sono principalmente le scuole e le istituzioni private che applicano il metodo Montessori.

Forse vi starete chiedendo quale posto sia riservato ai genitori nel concetto di educazione sviluppato dalla famosa pedagogista?

Il ruolo dei genitori è di primaria importanza.

Il sostegno, l’orientamento e l’attenzione dei genitori, sono tutti elementi chiave da considerare se vogliamo che i bambini siano felici, e in seguito per diventare adulti indipendenti e buoni.

Maria Montessori: un’ educazione che permette ai bambini di elevarsi

Non siete ancora convinti ? Allora leggete con attenzione quelli che sono i principi fondamentali dell’educazione secondo Maria Montessori, che riporterò qui di seguito.

1. FORNIAMO LORO ESEMPI DI VALORE.

Non dimenticate che i bambini imparano dal loro ambiente e dalle persone. L’adulto è elevato come modello. Ma l’unico discorso educativo, così com’è, non è di per sé sufficiente. Le parole devono corrispondere ai fatti. Sono quelli che convalidano quanto affermato. Il bambino ascolta, ma non può comportarsi in modo diverso da ciò che vede.

2. LA CRITICA È SPESSO FACILE E SEMPRE DISTRUTTIVA.

Dobbiamo stare attenti a non giudicare i nostri figli, né le loro parole né le loro azioni. Perché essi, inevitabilmente, svilupperanno rapidamente la capacità di giudicare l’altro. Si asterranno in tal modo dal riconoscere il valore degli altri, vedendo solo i difetti. L’autostima sarà anche minata da recensioni negative ripetute.

3. L’ INCORAGGIAMENTO FA MIRACOLI.

Al contrario  della critica negativa, gli incoraggiamenti possono portare i bambini “in avanti”, al di là delle difficoltà che incontrano sulla loro strada. I complimenti regolari, ma sempre giustificati, trasmettono ai bambini la capacità di stupirsi e quella di assorbire ciò che c’è di meglio nell’altro. Valorizzato, un bambino fa bene. Ogni bambino è un essere unico. Questo gli conferisce un valore significativo. E’ nostro dovere renderli consapevoli.

4. LA BENEVOLENZA È LA REGOLA ASSOLUTA.

Qualunque siano le situazioni difficili che possano presentarsi, la nostra gentilezza deve guidare la nostra risposta. Il nervosismo è assolutamente vietato. Esso genera un sentimento di ostilità nei nostri confronti e conseguenze catastrofiche per i bambini, che possono appropriarsi di questo modello relazionale. Peggio ancora, se essi dovessero inconsciamente adottarlo come modalità relazionale esclusiva. Perché ciò creerà in loro la tendenza a facili liti e ad un atteggiamento ostile e aggressivo verso gli altri. Le sanzioni e le punizioni non cambieranno nulla, laddove la benevolenza non sia la regola relazionale che si applica a casa.

5. FATE ATTENZIONE A NON SMINUIRE.

Questo sembra ovvio. Ma a dispetto di noi, in ogni nostra parola possono nascondersi piccole battute. Ricordiamoci che le parole hanno una grande forza e talvolta un significato diverso nell’orecchio di un bambino che nella bocca di un adulto. Il rischio è che si sviluppi una timidezza che effettivamente censuri il bambino nel suo rapporto con gli altri. Il deficit relazionale induce l’inibizione dell’ intelligenza emotiva. È da questa intelligenza che dipende la felicità, molto di più di un alto quoziente intellettivo.

6. CERCHIAMO DI FIDARCI DI LORO.

Anche in questo caso la sfida è enorme.
E’ così che gli trasmetterete la capacità di credere in se stesso per andare avanti, oltre i suoi limiti, per superare gli ostacoli e riuscire ad avere la capacità di mettersi alle spalle un fallimento.
E’ imperativo che possa fare la sua esperienza da solo. La qualità della fiducia che sente dipende in gran parte dalla nostra fiducia. Immaginate che i bambini avvertano il dubbio che sta dietro il nostro atteggiamento. D’altra parte, è da questa fiducia riposta in lui, che il bambino attinge a sua volta la capacità di fidarsi e di affidarsi . Questo permette, tra le altre cose (importanti), di delegare e trovare il loro posto in un gruppo.

17. NON SOTTOVALUTIAMO LE SUE CAPACITÀ.

E’ purtroppo un caso frequente.
I genitori hanno questa propensione e tendenza nello sminuire le capacità del bambino. E’ difficile vedere allontanarsi l’immagine del bambino, accettare questo passaggio dall’infanzia alla fanciullezza, e oltre.
I genitori eccessivamente protettivi impediscono involontariamente  ai loro figli  di crescere normalmente. Spesso queste situazioni di “competenze non riconosciute” generano la sensazione di essere “cattivo” o “no”.
Il bambino non ritiene di essere in grado di realizzare ciò che ci si aspetta da lui. Una situazione che lo fa sentire in colpa, e infine contribuisce inevitabilmente nel farlo sentire responsabile per la delusione espressa dai suoi genitori.

8. ACCETTATE LA SUA OPINIONE. 

Il parere del vostro bambino su un dato argomento o su una decisione da prendere vi dà fastidio?
Con un piccolo sforzo, potete passarci oltre. Perché? Solo perché avete tutto l’interesse a rispettare le differenze del vostro bambino. Egli ha questo grande bisogno di sentirsi unico.
Le sue posizioni “contro corrente” o la sua opinione divergente, non sono così importanti come in realtà lo è lui per voi. Ciò che è importante è che lui possa riconoscersi come unico e quindi insostituibile.

9. UN AMORE INESAURIBILE.

Il vostro amore per lui è incondizionato, qualunque sia la situazione, questo amore traspira le vostre azioni come le vostre parole. Nulla può metterlo in discussione. Ma qui, voi lo sapete. Resta solo il fatto che il vostro bambino ne sia anche convinto. Perché è solo se vostro figlio si sentirà pieno di quella sensazione di essere amato, allora sarà in grado di imparare a trovare l’amore.

110. NON PARLATE MALE DI VOSTRO FIGLIO.

Né in sua presenza nè in sua assenza. Cerchiamo di non ferire nostro figlio.La distanza fisica non sarà assolutamente in grado di guarire i sentimenti dei bambini provocati dalle nostre parole offensive o da qualsiasi altra cosa negativa che abbiamo rivolto loro. Il bambino capisce e sente i sentimenti dei suoi genitori prima ancora che essi si manifestino.

11. VALORIZZATE IL PIU’ POSSIBILE.

Noi, in quanto genitori, abbiamo la missione di favorire lo sviluppo dei nostri figli, quanto più possibile. Per questo, niente può essere meglio che fare loro complimenti. I loro lati positivi esistono e vanno sviluppati. La condizione è che essi trovino un’eco positiva nel nostro sguardo da genitore. In questo modo, gli aspetti negativi saranno sommersi , cancellati, eliminati. Semplicemente non avranno più motivo di esistere.

12. ASCOLTATE E RISPONDETE ALLE SUE DOMANDE. 

Il bambino cercherà una risposta a ciascuna delle sue domande .
Cerchiamo di soddisfare questa curiosità nella risposta che gli forniremo.
Laddove sia formulata una domanda, non lasciamo un vuoto ad essa. Certamente, nessuno sa tutto. Nessuno detiene la verità assoluta di tutte le cose. Indipendentemente da ciò, la nostra verità, in qualità di genitori benevoli, servirà certamente a dargli delle basi per delle riflessioni più sane rispetto a quelle che potrebbero, invece, essere date loro attraverso altre fonti.

13. IL DIRITTO ALL’ ERRORE / L’ INSUCCESSO.

Anche quando il nostro bambino fa un errore, noi dobbiamo comunque sostenerlo.
Se gli offrite una possibilità, egli si impegnerà a riparare al suo errore un giorno o anche l’ altro.
Da questo suo lavoro di correzione dell’errore, deriverà un senso di immensa responsabilità.
Quando egli si troverà in una situazione di insuccesso, anche la nostra reazione diventerà estremamente importante.
Si risolleverà più facilmente se i suoi genitori gli diranno che può farcela. Di tanto in tanto, è utile fermarsi per constatare che le difficoltà passate sono ormai lontane.

14. DATEGLI IL VOSTRO AIUTO, SENZA FARE PERO’ TUTTO IL LAVORO.

Quando vi sia una particolare necessità, in quel momento dobbiamo renderci disponibili, o spiegare quando potremo esserlo.
“Non ho tempo” è la tipica frase da evitare. E’ un controsenso. Ognuno di noi ha lo stesso tempo, 24 ore al giorno. Le differenze risiedono nelle scelte di vita che noi adulti facciamo. Questa piccola frase apparentemente innocua, lo farà cadere nell’ errore o gli farà credere che avete poco interesse per lui/lei.
Essere a disposizione per aiutarlo non significa fare le cose al posto suo. Dobbiamo al massimo, guidarlo sulla corretta e giusta strada. Tocca a lui trovare le soluzioni ai problemi che incontra.

15. DATEGLI IL MEGLIO DI VOI STESSI. 

Probabilmente tutti noi abbiamo un po’ la tendenza ad cercare di scappare da alcuni problemi, considerandoli e etichettandoli come secondari. Quando nostro figlio si rivolge a noi, l’argomento non è mai “secondario” per lui. Pertanto dovremo saper fare tutti gli sforzi necessari per affrontare un interlocutore “importante”: nostro figlio. Il nostro bambino non è “forse” tanto più “importante” rispetto ad altri che si rivolgano a noi? No: lo è molto di più !!! Noi lo sappiamo: non dimentichiamolo.

I nostri figli devono sentirlo in ogni nostra parola, vederlo in ciascuna delle nostre azioni, sentirlo in ciascuna delle nostre attenzioni. Semplici ed efficaci, avendole collaudate dal punto di vista educativo … queste regole agiscono nell’interesse del nostro bambino.

Certo, la scuola italiana non le ha fatte sue. E andando oltre a ciò, spetta a NOI genitori SENTIRE E AVERE IL DOVERE di prendere in considerazione gli interessi dei nostri figli. Maria Montessori ci può aiutare …👩‍👦🌈🌱❤

 

Ecco qui sotto alcuni libri bellissimi 📖📚 di Maria Montessori che consigliamo di leggere. Buona lettura a tutti.
PUOI TROVARLI QUI👇👇👇

 

        

 

       

 

       

 


2,284 Visite totali, 5 visite odierne