Share Button

QUESTO EVENTO INIZIERA’ TRA:

Giornata Mondiale: ” IL LABIRINTO dI CHARTRES ” a Parma con Carmela Parisi

Percorrere il Labirinto è la passeggiata a braccetto con l’anima. Il Labirinto cheta la mente e abbraccia il cuore.
Da ottobre 2014 presso l’associazione Dedalove è possibile “Percorrere il Labirinto” quale pratica spirituale a piedi nudi, in ginocchio …
Il Labirinto realizzato è un portento di Amore, Gioia, Pace.

GIORNATA-MONDIALE-LABIRINTO-DI-CHARTRES-7-MAGGIO-FONTEVIVO-PARMALa pratica spirituale “Percorrere il Labirinto” viene svolta nel Labirinto realizzato in pianta stabile e non su tappeti proprio per valorizzare il suo potere intrinseco di catalizzatore di energia.
Già in fase di realizzazione, nulla è stato lasciato al caso. Sono stati rispettati i canoni di Geometria Sacra, opportunamente valutate le direzioni, i materiali.

✔ Facilita: dott.ssa Carmela Parisi con formazione ricevuta a Chartres dal rev. Lauren Artress (2014).

✔ Con la partecipazione di “C8 Labirinti e Numerologia

—————————————————————————————————
✔ PER PRENOTARE la tua partecipazione o quella di una comitiva o gruppo di persone a questo evento:

  puoi scrivere un’email a
✉:  eventidedalove@gmail.com
oppure ✉: dedalove2013@gmail.com

  o telefonare ai seguenti numeri:
 338 1399843 – Juri
 328 6766526Daniela 
✆ 339 5044612 – Fabrina
—————————————————————————————————


✔ Divulgativo:

Conoscere, praticare la via interiore per vivere in Armonia con Gioia e Amore.

 Dove:  presso DedaLove, associazione olistica, culturale, s.d. a
Fontevivo, Parma.

In provincia di Parma, nelle campagne di   Fontevivo, sulla via Francigena, a pochi chilometri dall’Abbazia cistercense,  è stato realizzato dall’Associazione Dedalove  il “Labirinto”, riproduzione fedele,  nelle misure e nelle geometrie sacre,  del Labirinto della Cattedrale di Chartres  (Francia).

Percorrere il Labirinto è:

    a m a r – S i

    r i t r o v a r – S i

Camminare nel Labirinto ci consente di fare una sosta, scoprire luoghi nascosti e raggiungere una profonda trasformazione.

10981601_1616038211985205_917816760917754791_n

 

✔ Percorrere il labirinto cheta la mente e abbraccia il cuore

All’ingresso a condurre i tuoi passi è la mente che ha accettato la sfida primordiale della paura di esistere. All’uscita a condurre i tuoi passi è il Cuore che la sfida l’ha vinta. Non sai più chi “sei”, sai di più su chi Sei. (cit. Parisi Carmela)

OPArchetipo, simbolo universale antichissimo, il Labirinto è utilizzato sin dalla preistoria in ogni parte del mondo, in ogni cultura, con scopi diversi, legati alla spiritualità.

Il Labirinto medioevale realizzato dall’ “Associazione olistica DEDALOVE asd” nel giardino della propria sede, a Fontevivo,  piccolo centro della provincia di Parma, è la riproduzione del labirinto che si trova sul pavimento della navata centrale della  cattedrale gotica di Chartres in Francia.

E’ stato riprodotto rispettandone le dimensioni, diametro di 12,87 m e lunghezza del percorso entrata/uscita 261,5 m , rispettandone i canoni di geometria sacra cui si sono ispirati i 13 architetti, mastri-costruttori della cattedrale di Chartres le cui preziose conoscenze furono loro trasmesse dai  Templari.

 La figura circolare realizzata in due colori delineano un unico percorso che va dall’esterno verso l’interno del cerchio con una successione di curve e archi concentrici, circonvoluzioni a 180° che girano a sinistra, a destra. Tipico  Labirinto medioevale consta di undici spire (o circuiti) che in corrispondenza delle curve a 180° evidenziano dieci asce dividono lo stesso  Labirinto in quattro parti di egual misura, disposte a forma di croce.

Un tempo, i pellegrini  percorrevano in ginocchio il tracciato del Labirinto di Chartres, che sostituiva il viaggio in Terrasanta, Gerusalemme, per espiare le proprie colpe, rappresentava l’alternativa del viaggio dall’Europa a Gerusalemme.  Si camminava pregando, cantando, scalzi, in ginocchio. Il Labirinto rappresenta il cammino simbolico che porta l’uomo verso Dio,  un viaggio per ritrovare la fede,  l’unione con Dio, l’unione tra la Terra (Madre) e il Cielo (Padre).

12939462_1706762242912801_177809037_n

E’ un potente contenitore che delimita uno spazio sacro in cui il “pellegrino” si immerge per intraprendere il cammino interiore verso il centro divino attraverso la preghiera con la rivelazione della conoscenza di Sé.

✔ Il punto di arrivo è anche di partenza: “RI” – NASCITA.

E’ la via della conoscenza interiore.

Percorre il Labirinto  è vivere un processo di iniziazione, ci conduce verso il Centro, nel nostro Tempio Interiore.

♥ E’ facile che si possa  sperimentare lo smarrimento nel trovarsi con la nostra realtà interiore fatta anche di ombre con cui siamo spesso chiamati a confrontarci.

Si prende coscienza.

Si esce con una nuova consapevolezza.

Si “ri – trova”  l’UNITÀ (corpo-anima- mente-spirito) momentaneamente perduta.

La complessità delle  circonvoluzioni e del percorso curvilineo è la sua “essenza”.

Non c’è il rischio di smarrirsi perché il Labirinto medioevale, non è un dedalo, dove possono esserci diverse vie percorribili, alcune cieche che disorientano e quindi ostacolano la stessa uscita dal circuito“ .

12966179_1706762339579458_1927663972_nE’ un circuito unicursale (con unico percorso senza intersezioni), per quella “via” si entra, si raggiunge il centro e per la stessa “via” si fa ritorno.

Non ci sono muri, non ci sono siepi, già dal momento in cui si fa il primo passo si ha la percezione visiva dei confini, del centro, del percorso, che appare –  in prima battuta – difficile da percorrere e, come tale, può anche scoraggiare o provocare un momentaneo stato di turbamento. Proprio come nella vita, quando pensi di aver raggiunto una meta, uno scopo (il centro) in realtà proprio in quel momento accade qualcosa che ti riallontana. Ecco cosa accade.

Il più delle volte ci sembra di essere vicini ad una conquista ed invece proprio allora si dipanano dinnanzi a noi altre difficoltà, ciò che sembrava vicino è lontano, ciò che sembrava conquistato è perso.  Man mano che ci allontaniamo acquistiamo la consapevolezza che spesso sperimentare il disorientamento, percorrere strade impervie e difficoltose aumenta in noi il coraggio, la sfida e, quindi, ci stimola a rimetterci in discussione, a riprendere la strada per raggiungere la meta”.

✔ La vita stessa è un Labirinto.

Come nella vita, anche nel Labirinto per ritrovare la vera dimensione, per ritrovare il tuo centro, non ci sono scorciatoie, devi percorrere tutta la strada all’andata e all’uscita, fare un salto è  non vivere l’esperienza. L”esperienza è ricevere la consapevolezza, quella vera e profonda.

“Percorrere il Labirinto” è fare una passeggiata a braccetto con la propria anima. Durante questa passeggiata la mente si calma, il respiro rallenta, il tempo ora si dilata ora scorre inesorabilmente. C’è chi vive la dilatazione del tempo all’entrata chi al ritorno.

Ognuno vive la propria esperienza, l’importante è abbandonarsi ad una introspezione profonda con apertura del cuore e della mente in totale affidamento a Colui che è l’artefice del Labirinto della vita.

Solo in presenza di totale e incondizionato affidamento c’è unione tra l’uomo e la sua dimensione più autentica, la sua scintilla divina.

Il Labirinto di Dedalove è inserito nel data base internazionale dei Labirinti di tutto il mondo.

“Nel dedalo della vita il filo di Arianna è l’Amore” ♥ DEDALOVE ♥

Percorre il Labirinto” ci consente di fare una sosta, scoprire luoghi nascosti e raggiungere una profonda trasformazione.

   Affidati con apertura del cuore

   Abbraccia i doni che ricevi

   Ama “l’Uomo Nuovo” che è in te

 (cit. Carmela Parisi)

Non è mai troppo tardi per scegliere di essere pellegrino del viaggio spirituale, del viaggio esistenziale verso il tempio in cui risiede la nostra anima.

✔  “Percorrere il Labirinto” è una pratica SPIRITUALE per ri – trovare armonia, equilibrio, unità tra mente –  corpo – anima – spirito.

L’associazione Dedalove asd organizza con cadenza mensile incontri di gruppo ( eventi e/o  percorsi).

Dall’ottobre 2014,  l’associazione  con impegno divulga la pratica Percorrere il Labirinto“.

Dagli anni 90 i Labirinti hanno trovato collocazione sia all’interno che all’esterno, in ospedali, scuole, carceri, centri benessere, ospizi, chiese, aziende  pubbliche parchi e centri di ritiro.


LABIRINTI NELLE UNIVERSITA’ E NELLE  SCUOLE  

 Le Università, le scuole hanno realizzato il Labirinto all’interno o esterno delle proprie strutture come strumento meditativo o di preghiera per calmare la mente, per lo stress.

LABIRINTI NEGLI OSPEDALI

Tutto ciò che serve è il coraggio di essere primo.   Dal libro ” Courage to Be First: The Journey of Mid-ColumbiaMedical Center in The Dalles, Oregon, Mark Scott, Leland Kaiser, Ph.D., Richard Baltus”.

E’ stato realizzato il labirinto per medici, pazienti, familiari, infermieri e Mark Scott, ex amministratore delegato del Mid-Columbia Medical Center di The Dalles, Oregon, afferma che il labirinto integra l’uso della chemioterapia e radioterapia nel trattamento del cancro, dando al paziente un senso di sicurezza e controllo.

L’ospedale  “Mid-Columbia Medical Center” è diventato il primo ad unire le cure della medicina tradizionale con le discipline olistiche (yoga, massaggi, agopuntura, diario, Tai ‘Chi – Qi kung, Reiki … ) considerando la dimensione spirituale dell’uomo.

Ad oggi ci sono oltre 100 ospedali che utilizzano il Labirinto come strumento di auto-guarigione.

All’ingresso a condurre i tuoi passi è la mente che ha accettato la sfida primordiale della paura di esistere. All’uscita a condurre i tuoi passi è il Cuore che la sfida l’ha vinta. Non sai più chi “sei”, sai di più su chi Sei.

✔ Come “Percorrere il Labirinto?

    lasciando semplicemente che tutto accada

♥    ponendo una questione a cui si vuol trovare una soluzione, una risposta

   lasciando che tutti i disagi affiorino in superficie, o che emerga quello più significativo

✔ Non esiste un modo corretto o sbagliato di percorrere il Labirinto spirituale.

L’esperienza dei più, conferma un’esperienza suddivisa in tre fasi, le tre R:

 entrata –  Rilascio: lasciare andare, questo può implicare il confrontarsi con le proprie ombre, con i disagi e, di conseguenza sperimentare un temporaneo smarrimento o stato d’ansia. Occorre solo procedere,  liberando la mente da condizionamenti, pensieri e aspettative e concentrandosi sul respiro e affidandosi al nuovo cammino seppur ignoto.

 centro –  Ricevere: accogliere con apertura del cuore – in preghiera, meditando o semplicemente stando in ascolto – quello che viene offerto: luce che mette a nudo la verità, tutto svela e rivela e apre la strada ad una consapevolezza profonda, amore, protezione, pace, perdono, gratitudine, guarigione spirituale…. illuminazione.

 uscita –  Ritorno: uscendo dal centro, seguendo lo stesso percorso dell’entrata, vai verso l’unione con la consapevolezza più vera con le intuizioni di cui il Labirinto ha fatto dono al centro e acquistano forma e illuminano, senti sempre più di essere a “casa”.

 “Quando il cuore piange per ciò che ha perso, l’anima esulta per ciò che ha trovato” (poesia sufi).

✔ L’esperienza del “Percorrere il Labirinto” va vissuta senza paura d’incontrare l’ ignoto.

   Non c’è rischio di smarrirsi

   Il viaggio alla scoperta di se stessi va affrontato fiduciosi

   Nel Labirinto     si    “Ri – Trova”

Chi “Percorre il Labirinto” si unisce con la parte più autentica, si affida, vive l’esperienza senza paure ed aspettative, senza pensare alla destinazione,  abbandonandosi al semplice fluire, divenire, lasciando che tutto accada secondo la Suprema Volontà, secondo il disegno dell’Architetto per eccellenza tracciato già nell’Universo.

Affidati con apertura del cuore

Abbraccia i doni che ricevi

Ama “l’Uomo Nuovo” che è in te

carm21✔ CARMELA PARISI

libero professionista, formazione economico-giuridica, formatore aziendale, CTP, master in PNL da più di dieci anni abbraccia gli studi dell’esoterismo divenendone operatore olistico. Dagli studi universitari, dalla comunicazione in azienda a quella introspettiva, inizia percorsi di crescita personale e spirituali per formarsi in counsellor.

E’ direttore didattico dell’ACCADEMIA Dedalove ed è membro del comitato scientifico.

Conduce gruppi e percorsi individuali di meditazioni, finger labyrinth, cronoriflessologia, stimolazione neurale, Codici di Guarigione, Qi Kung, Reiki, Mandala.  E’ facilitatore “The Healing Codes” ed è formatrice dei Facilitatori Mandala e Labirinti.

A maggio del 2014 conclude il percorso di formazione a Chartres, in Francia, con il Reverendo Lauren Artress, per facilitare persone in gruppi e/o individualmente. A settembre dello stesso anno realizza a Fontevivo, provincia di Parma, il Labirinto di Chartres rispettandone geometria sacra, dimensioni, misure e rapporti numerici.

Il Labirinto realizzato presso l’associazione DedaLove non è una semplice riproduzione del Labirinto di Chartres ma un potente catalizzatore di energie, l’amore tutto muove. Divulgare, diffondere la pratica del Labirinto Spirituale è una priorità. Il progetto ambizioso e virtuoso, invece, è che in Italia fossero realizzati i Labirinti presso ospizi, ospedali, comunità, università, parchi, carceri affinché tutti possano “Percorrere il Labirinto” per ritrovare la propria dimensione spirituale e attingere dalla sorgente divina tutte le risorse per creare la propria auto-guarigione.”  (Carmela Parisi)

 

Mette a disposizione le proprie competenze, conoscenze, esperienze e passione per la realizzazione di Labirinti, non solo tipo Chartres.

Per gli esperienziali presso associazioni, parchi pubblici e privati, ospedali, comunità, scuole … , è possibile “Percorrere il Labirinto” realizzandoli in loco (giardini, spiagge, cortili, campagna … ).

Inoltre,  per la realizzazione del suo  progetto, propone competenze e maestranze specifiche per consulenza, assistenza e realizzazione (sin dalla fase progettuale) dei labirinti in strutture pubbliche e private rispettandone simbologia, geometria sacra in armonia con il “Tutto”.

SEGUICI SU FACEBOOK ?:

 

 


PER INFORMAZIONI su COSTI, SCONTI, MODALITA' DI PARTECIPAZIONE e PAGAMENTO:

☛  Tel :  389 8948399 – Dedalove Fontevivo Parma  (riferire di aver letto notizia su CORSIPIU.it)

☛  E-mail : dedalove2013@gmail.com –  (riferire di aver letto notizia su CORSIPIU.it)

 

DOVE

Dedalove ASD Strada Rosi Bellena 22 Fontevivo (PR)

Google requires an API key to embed Google Maps. Enter your key in your Shortcodes option page under the "Maps" tab.

 

QUANDO

7 MAGGIO 2016  

A CHE ORA

ore 10:30 | 15:30 | 19:30


INIZIA SUBITO A PROMUOVERE IL TUO EVENTO

  INSERISCI GRATIS IL TUO EVENTO

1,243 Visite totali, 1 visite odierne

Share Button