Share Button

TI E’ PIACIUTO QUESTO ARTICOLO ?
lasciaci-un-mi-piace1

 

SEGUICI SU     
FACEBOOK ? :

Il raggruppamento di lavori di oltre 190 studi scientifici condotti su 140 centri di ricerca in almeno ben 17 paesi, ha contribuito ad individuare alcune varianti genetiche associate alla felicità. Con i dati completi, condotti su quasi 300.000 persone, questo è probabilmente uno dei più grandi studi mai pubblicati sui geni coinvolti nel comportamento umano. Esisterebbe anche una buona predisposizione alla felicità ed essa sarebbe di natura genetica.

pred-feli

Nella rivista “Nature”, il team internazionale di ricercatori descrive come sono stati analizzati i dati genomici di centinaia di migliaia di persone per trovare alcune varianti genetiche associate ai sentimenti di una provata felicità , quelli della depressione o anche della nevrosi.

Uno dei ricercatori, Alexis Frazier-Wood, assistente professore di pediatria e nutrizione al Baylor College of Medicine di Houston, Texas ha detto:

Abbiamo scoperto che esistono tre varianti genetiche associate al benessere soggettivo che determinano che le persone si sentano felici nella loro vita. Abbiamo anche trovato due geni che ospitano varianti associate ai sintomi depressivi e 11 varianti genetiche associate alla nevrosi.

Il team ha anche scoperto che queste varianti genetiche sono espresse principalmente nel sistema nervoso centrale e nei tessuti surrenali e pancreatici.
Per ottenere tali risultati, il team ha condotto una meta-analisi, raccogliendo dati genomici da molti altri studi precedenti.
Alcuni strumenti statistici avanzati sono stati usati per analizzare i dati raggruppati da alcune delle 298.000 persone.

105546

La genetica può aiutare a capire la predisposizione alla felicità.

Studi precedenti hanno suggerito che le differenze individuali della felicità e del benessere potrebbero essere collegate alla diversità genetica tra le persone.
Vi è un crescente interesse da parte della comunità scientifica in materia, i risultati accumulati suggeriscono che il benessere è un fattore importante per una buona salute sia fisica che mentale delle persone.

Tuttavia, i ricercatori avvertono che i geni non sono gli unici responsabili nel determinare la felicità e il modo in cui le persone la sentono e l’ esprimono nella loro vita. Essi spiegano che l’ambiente e le sue interazioni con i geni, sono ugualmente importanti.

Ma la genetica può aiutarci a capire il motivo per cui alcune persone sono biologicamente predisposte a sviluppare i sintomi della felicità, come notano ii ricercatori .
Essi sperano anche che i risultati del lavoro messo a disposizione, possano consentire il prosieguo della ricerca del sapere e che contribuiscano a chiarire le nostre domande sulle cause delle disuguaglianze in relazione alla felicità.

Questa innovazione della scienza non è che la premessa di un lavoro molto più importante da raggiungere .
Le varianti genetiche individuate sono solo una piccola frazione di ciò che rimane da scoprire. La posta in gioco è alta, come ha dichiarato il Prof. Meike Bartels, della VU University di Amsterdam:

La sovrapposizione genetica con i sintomi depressivi che noi abbiamo trovato è anche un passo avanti. Questo dimostra che la ricerca della felicità può anche fornire nuove intuizioni sulle cause di una delle più grandi sfide mediche del nostro tempo: la depressione.

SEGUICI SU FACEBOOK ?:

 


1,216 Visite totali, 1 visite odierne

Share Button