TI E’ PIACIUTO QUESTO ARTICOLO ?
lasciaci-un-mi-piace1

 

Metti mi piace sulla nostra pagina Facebook per essere sempre aggiornato sui migliori contenuti da condividere e commentare con i tuoi amici

COSA SUCCEDE QUANDO 
LA GENTE MEDITA PER LA PRIMA VOLTA

Ci sono stati numerosi studi dettagliati su cosa accada al cervello di coloro che meditano a lungo .

Ma cosa succede esattamente alle persone che meditano per la prima volta?

Sara Lazar, una ricercatrice di Harvard, si è fatta notare a livello internazionale per aver contribuito con una ricerca a svelare degli altri dettagli su come il cervello sviluppi effettivamente la materia grigia quando la gente medita.

Altri studi hanno dimostrato che la meditazione migliora il QI (Quoziente Intellettivo), e riduce la depressione.
Oltre a questi vantaggi, la meditazione inoltre:

✔ Riduce il consumo di alcool e di sostanze, riduce la pressione sanguigna (Chiesa, 2009),

✔ Diminuisce l’ansia,i sintomi depressivi, e le ricadute (Coelho, Canter, e Ernst, 2007;. Kim et al, 2009) .

✔ Aiuta i pazienti affetti da vari tipi di dolore cronico (Chiesa & Serretti, in corso di stampa)

✔ Abbassa l’incidenza dello stress (Chiesa & Serretti, 2009) .

✔ Aiuta i malati di cancro  (Ledesma e Kumano, 2009)

La maggior parte delle persone pensa che si debba meditare per anni prima di iniziare a vedere uno di questi miglioramenti, ma uno studio condotto da Chiesa, Calati, e Serretti mostra che, dopo appena otto brevi settimane di meditazione, la gente inizia a sperimentare un migliore funzionamento cognitivo.

Non è ancora  abbastanza veloce per voi?

MEDITARE PER LA PRIMA VOLTA

La meditazione per la prima volta

Ecco cosa succede al cervello dopo che qualcuno ,che non ha mai meditato prima , compie una sola sessione di meditazione :

La gente comincia a diventare meno centrata sul “me” nel momento in cui il cervello bilancia la corteccia ventro-mediale prefrontale (vmPFC), che ci permette di ruminare la nostra preoccupazione, e la corteccia prefrontale dorso-mediale (dmPFC), che ci permette di entrare in empatia con gli altri e ci sentiamo più legati a quelli che di solito consideriamo dissimili da noi stessi.

✔ Il centro della paura viene calmato tramite l’amigdala e i due rami del sistema nervoso.
Voi sapete da dove viene il sentimento ‘uh-oh’ a volte ?
La meditazione aiuta a fare in modo che voi sentiate solo un basso livello di stress quando ne avete realmente bisogno, come ad esempio quando state per mettere la mano su una stufa calda, o è necessario premere i freni nel traffico.
Anche allora, la meditazione può aiutare ad allontanare lo stress dalle esperienze piene di stress.

✔ La prima volta che tentate di meditare, la mente si calma.
Ciò non significa che vivrete una profonda pace interiore la prima volta che il vostro fondoschiena tocchi un cuscino di meditazione, ma significa che state già configurando nuovi percorsi neurali che permettono un cambiamento positivo.
Ogni volta che vi  ‘siederete‘ di nuovo, li migliorerete.

✔ Vi sentirete meno depressi.
La meditazione sta diventando ultimamente, sempre di più oggetto di articoli della stampa a causa di questo STUDIO realizzato da Mahav Goyal e pubblicato sul JAMA (Journal of the American Medical Association).
47 prove condotte su oltre 3.500 pazienti hanno dimostrato che la meditazione è stata efficace come cli anti-depressivi.
(L’effetto della meditazione è stato moderato, a 0.3. Se questo vi sembra basso, tenete presente che la dimensione dell’effetto degli antidepressivi è anche 0.3.)
La differenza è, naturalmente, che la meditazione non può uccidere o causare altri effetti collaterali indesiderati , come episodi psicotici, attacchi di panico, ostilità, etc.

MEDITATORI, LIVELLO “PRINCIPIANTI”

 

Anche se ci vuole Meditatori livello "Principianti"ancora qualche seduta, ecco cosa succede quando meditate un po’ più di frequente:
✔ Sentirete meno dolore fisico in soli quattro sessioni di meditazione.
L’attività cerebrale diminuisce nelle aree responsabili della trasmissione di informazioni sensoriali portando una sensazione di dolore. Inoltre, le regioni del cervello che modulano il dolore aumentano di più , e alcuni volontari che avevano partecipato ad uno di questi studi , riferivano che il dolore era meno intenso dopo la pratica della meditazione. Questi risultati sono stati tutti riportati alla riunione annuale della Society of Neuroscience di San Diego.

✔ L’ ‘IO-al-centro-di-tutto’ lentamente evapora.
Nel momento in cui la connessione tra le sensazioni corporee e i vmPFC (corteccia ventro-mediale prefrontale) si affievolisce , non penserete più che una sensazione fisica o un sentimento momentaneo della paura significhi che qualcosa non va con voi o che voi siete il problema. Potete semplicemente lasciarvi sollevare e passare, senza che sia un pensiero secondario .

✔ L’empatia diventa più forte. La parte vmPFC (corteccia ventro-mediale prefrontale) dell ‘IO-al-centro-di-tutto’ si attenua e la parte dei dmPFC (corteccia prefrontale dorso-mediale) cresce più dominante, il che significa che potete sentire il dolore o la tristezza altrui, ma con la stessa capacità di come avete imparato a gestire le proprie sensazioni corporee.

MAESTRI DI MEDITAZIONE

 

Maestri di meditazioneUna volta che siete diventati vecchi professionisti nella meditazione non vedrete l’ora di trarre ancora più vantaggi, molti dei quali la scienza sta ancora cercando di capire.

✔ I monaci tibetani possono sedersi per ore in meditazione con la stessa facilità con cui la maggior parte di noi può spendere la stessa quantità di tempo dormendo o navigando in rete. Questi monaci hanno recentemente asciugato lenzuola bagnate con i loro corpi utilizzando una forma di meditazione chiamata gTum-mo. I monaci erano ammantati in lenzuola umide e fredde (49° f / 9.4° c), e collocati in una stanza a 40° f (4.5° c) . In condizioni come queste una persona media avrebbe probabilmente provato brividi incontrollabili e sofferto di ipotermia. Tuttavia, attraverso la concentrazione profonda, i monaci sono stati in grado di generare il calore del corpo, e in pochi minuti i ricercatori hanno notato del vapore che passava da quelle lenzuola.

Dopo circa un’ora le lenzuola erano completamente asciutte.

✔ Yogi in India, che praticano la meditazione sono in grado di rallentare i battiti dei loro cuori così completamente che sono difficilmente rilevabili persino sulle apparecchiature ECG. Nel 1935 una cardiologa francese, Therese Brosse, portò un elettrocardiografo in India e studiò gli yogi che avevano affermato di poter fermare il loro battito cardiaco . Secondo il rapporto pubblicato dalla Brosse, le letture prodotte da un singolo capo ECG e le registrazioni di impulsi indicavano che le potenzialità del cuore e del battito di uno dei suoi soggetti diminuiva quasi a zero, e vi rimaneva per diversi secondi. (Brosse, 1946)

✔ Un maestro meditatore , Munishri Ajitchandrasagarji, è un monaco Jain che attribuisce la sua memoria incredibile alla pratica della meditazione. Egli riesce a recitare 500 articoli a memoria, sia se si tratti di una frase in una di sei lingue diverse, un problema di matematica, o il nome di un oggetto casuale. Recentemente ha eseguito questa impresa di fronte a un pubblico di 6.000 persone per verificare il suo sorprendente livello di abilità. Ci sono volute sei ore per la folla per espletare l’elenco degli elementi da somministrargli , e lui li ripeteva perfettamente.

✔ L’ olandese Wim Hof è in grado di controllare il suo sistema immunitario con la meditazione. E ‘stato nel Guinness dei primati 20 volte per realizzazioni come la scalata del monte Everest e del Kilimanjaro con nulla, se non un paio di pantaloncini e scarpe, senza acqua o cibo, quando le temperature raggiungevano facilmente i 50 gradi Celsius. Egli utilizza una speciale meditazione concentrata sul respiro.

Così forse la prima volta che imparate a controllare i vostri pensieri concentrandovi sul vostro respiro, o semplicemente osservando i vostri pensieri come nuvole che passano nel cielo, non vi farà diventare un maestro della meditazione capace di questi atti impressionanti, ma forse con i vostri primi 20 minuti di “seduta” sarete sulla buona strada per altre abilità mondiali.

Share Button

Metti mi piace sulla nostra pagina Facebook per essere sempre aggiornato sui migliori contenuti da condividere e commentare con i tuoi amici

 


4,025 Visite totali, 1 visite odierne